Skip to content


18 settembre 2010

Dignità Italiana



Il 31 luglio ho partecipato l’Aquila Day. Una manifestazione organizzata da cittadini «incazzati». Diciamolo!una volta per tutte!FIno ad ora si è girato intorno al problema con eufemismi, parole di circostanza. Credo sia ora di dire le cose come stanno, soprattutto alla luce della manifestazione che ha visto piú di 5000 aquilani venire a roma e prendere le botte dai celerini…Solo per aver chiesto ciò che gli viene quotidianamente negato: dignità. Ho aspettato troppo, forse, per mettere nero su bianco le mie sensazioni, e mie considerazioni. Lo faccio oggi che torno in Abruzzo per un altro evento…la tre giorni di Vasto indetta da IDV. In questo tempo trascorso, ho letto il libro di Samanta Di Persio: «Ju tarramotu». Ne ho digerito i contenuti ed ho potuto elaborare il mio pensiero. Ho così capito che la scelta di far trascorrere del tempo prima di stigmatizzare le mie impressioni su L’Aquila è stata corretta. Innanzitutto, ho dovuto metabolizzare quanto avevo visto con i miei occhi. E di questo devo ringraziare di cuore Stefania Pace e la stessa Samanta Di Persio. Stefania per avermi fatto capire quanto sia davvero difficile far riprendere la vita stessa anche di chi aveva un’attività commerciale e ora si trova a doverla ricostruire…praticamente da solo. O per avermi fatto vedere da vicino la realtà dei «borghi». Poggio Picenze, per esempio. Mi hanno descritto le persone morte nel crollo di una casa. Quanto deve essere difficile passare da lí e ripensare ogni volta a chi abbiamo perso…con la consapevolezza che una tragedia simile si poteva evitare…ho visto i «MAP»…AVREI PREFERITO NON VEDERLI!E’ vero le persone hanno un tetto sulla testa…ma rovente d’estate e gelido di inverno… E ho visto le New town…idem:se si è stati fortunati, si è finiti in quelle graziose e edificate con criterio…ma…tutte…e dico tutte…sono degli alveari, su cui le persone possono contare per rincasare…ma sei isolato dal mondo:lontano dai centri abitati, non una farmacia, non una frutteria. NON UN CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE. Mi sono chiesta: ma gli anziani come fanno?gli anziani da soli?un litro di latte, dove lo vanno a comprare?e le medicine?la cosa che salta all’occhio guardando le New Town…è la desolazione che le circonda. Ho chiesto a Samanta, ma gli anziani, il tessuto sociale, i rapporti di quartiere?e lei mi ha risposto con una cifra che mi ha sconvolta: le morti causate dal terremoto sono 304…ma quelle causate dal post terremoto solo nella fascia over 65 sono 3000. Avete letto bene, non ho sbagliato il numero degli zeri: 3000!Ne avete sentito parlare in qualche telegiornale?no, neanche io. Perchè non se ne è parlato. Meglio focalizzare l’attenzione sulla bottiglia di champagne lasciata dal premier nei frigoriferi delle new town. Ebbene, io direi che è passato troppo tempo…io direi che ogni italiano si dovrebbe considerare parente degli aquilani…perchè se è vero che c’era chi il terremoto lo aveva previsto, beccandosi la denuncia per procuratro allarme, è altrettanto vero…che nessuno di noi può sentirsi al sicuro da eventi così…Eppure…non mi sembra, sino ad oggi, di aver visto avviare progetti seri di formazione ed informazione di tutte quelle persone che continuano ad abitare nelle zone a rischio sismico e dintorni. E’ altresì vero che a L’Aquila è successa una cosa anomala: su ogni prontuario della gestione delle emergenze, sono segnalati dei punti «di raccolta»: punti, considerati sicuri, dove la popolazione deve recarsi dopo le scosse…Sarebbero le scuole, ospedali, la Prefettura…fermatevi a pensare un attimo… L’Aquila: ospedale distrutto, università danneggiata, casa dello studente crollata e la Prefettura…l’edificio da cui dovrebbe partire il coordinamento dei soccorsi…disintegrato, imploso, crollato su se stesso… A me è bastato vedere il cratere che c’è al posto della casa dello studente…per capire che…MAI PIU’!non dobbiamo consentire che queste cose accadano mai piú!e non per noi…noi non siamo in tempo…ma i nostri figli, i nostri nipoti li possiamo salvare. ORA!basta tenere alta la testa, come hanno cominciato a fare gli aquilani da quando hanno capito che quella del Governo era tutta fuffa, da quando hanno capito che avrebbero dovuto ricominciare a pagare le tasse, per case che non ci sono piú, bollette per numeri di telefono che non esistonio piú…e pedaggi…per tornare a lavorare…Alziamo la testa…difendiamo i nostri territori, i nostri colori…il nostro tricolore…LA NOSTRA COSTITUZIONE!. Domani, sabato 18 settembre, sarò sul palco della WEBDV di Italia dei Valori, a Vasto. Alle 13.Seguite lo streaming.E partecipate!

| Invia a un amico Invia a un amico | Stampa Stampa | Iscriviti alla Newsletter | Condividi su Twitter | Condividi su Facebook | Invia un commento

Postato da Serenetta Monti in Cittadini, Informazione.


0 commenti



Puoi usare alcuni tag HTML