- Serenetta Monti - http://www.serenettamonti.it -

Appello a Erri De Luca: io sto con Elena Trimarchi…e tu?

Ho potuto leggere su “L’Espresso” on line quanto accaduto ad Elena Trimarchi per aver posto una semplice domanda su Facebook, su un post di Erri De Luca . Intanto che, sicuramente, pensate a chi sia Elena Trimarchi…io vi metto il virgolettato del testo di Erri De Luca su cui Elena ha OSATO esprimere la propria opinione:”Trovo scritto da qualche parte che la Palestina sta sotto occupazione da 70 anni. Perché solo 70? Era occupata prima dagli Inglesi , prima ancora dalla Giordania, prima ancora dall’Impero Ottomano. La Palestina e’ sempre stata una regione occupata. Mettere a fuoco solo i recenti decenni manifesta una volontà di omissione. Si è sionisti perché si ammette l’evidenza storica dello Stato di Israele? Chi si augura la sua cancellazione e’ partigiano di uno sterminio su scala di massa. In quella regione occorrono due Stati ben divisi, non zero Stati e al loro posto il deserto. A qualcuno piace che ragazzini palestinesi vadano a farsi uccidere per accoltellare vecchietti ebrei? Evidentemente si. Non appartengo alla categoria. Non riconosco volontà di riscatto nell’agguato da marciapiede di un minorenne, solo uno spreco di quella vita presa e buttata alle ortiche. Infine oggi nel Mediterraneo la situazione di quei territori non è l’argomento principale all’ordine del giorno. Oggi il Mediterraneo e’ scosso dagli sviluppi in Siria, con le emigrazioni di milioni di profughi,in Libia con la presenza dello Stato Islamico, in Turchia con le recenti elezioni a effetto dittatoriale e immediata ripresa della guerra civile con i Curdi. Il primato che qualcuno vuole assegnare alla questione palestinese serve a distogliere l’attenzione dalle urgenze che più determinano il futuro prossimo”. Testo degno di attenzione …e di profonde riflessioni…Ed Elena, da persona attenta qual è, ha espresso, con una domanda, le proprie. E così ha scritto:”Scusi, a lei piace che i ragazzini israeliani siano costretti a fare il servizio militare e forse anche a picchiare, arrestare e qualche volta uccidere quei bambini palestinesi?”. Ai più potrà sembrare chiaro che non c’è nulla di offensivo in una domanda di questo tipo, anzi…evidenzia due grandi tragedie: la prima che, nel mondo, ci siano dei bambini costretti alla leva OBBLIGATORIA e la seconda…diretta conseguenza della prima…che gli stessi (parliamo di Israele nello specifico)  poi diventino gli assassini di bambini Palestinesi che hanno la sola colpa di essere nati Palestinesi. Eppure a qualcuno (prima di leggere alcune rivelazioni tra i commenti, si ipotizzava lo stesso De Luca, visto che Elena è stata bannata dalla sua pagina) è sembrata talmente offensiva da far segnalare quanto scritto da Elena a Facebook che le ha bloccato il profilo per 24 ore. E qui arriviamo a chi sia Elena Trimarchi. Elena è una persona che, DA SEMPRE, principalmente proprio attraverso Facebook, si fa promotrice di battaglie a difesa dei diritti civili…umani…Ci mette sempre la faccia e il proprio nome e cognome. Ed io, che la conosco bene, mi sono ritrovata a leggere dei commenti sull’articolo de L’Espresso a dir poco deliranti. Definivano l’articolo “imbarazzante”. C’è chi è arrivato a chiedere di “cancellare questo articolo che già riporta dal titolo un’informazione falsa per stessa ammissione dell’autrice (vedi i commenti)”. Questi sarebbero gli ammiratori di Erri De Luca il “paladino”della difesa della “Parola contraria” (il suo pamphlet acquistabile in tutte le librerie)? E dov’è lo stesso Erri De Luca che consente questo accada sulla sua pagina pubblica, dove, peraltro, sono rimasti dei commenti dove gli si da del “vecchio sclerotico”?…rimasti lì…forse perchè non giudicati offensivi (mica sono antisemiti!) dalla ufficiale segnalatrice (questo si, per sua stessa ammissione tra i commenti sulla pagina dell’Espresso, tant’è che ho potuto fare lo screenshot). Ufficiale segnalatrice che, però, è anche cofondatrice, assieme a Erri De Luca, della “Fondazione Erri De Luca” che “…persegue finalità di solidarietà sociale avvalendosi di diversi strumenti comunicativi abbinati alle diverse discipline artistiche”. La signora Paola Bisson. E’ lei l’autrice del commento in cui ha ammesso di aver segnalato il commento di Elena Trimarchi a Facebook, il quale, attraverso quella strana policy aziendale che lo contraddistigue e fa si che rimangano commenti RAZZISTISSIMI o aperte pagine contro cani e bambini…ha, evidentemente, accolto la segnalazione della signora Bisson. Vorrei ricordare a chi sta leggendo che Elena in queste settimane ha dovuto aprire on line un crow founding che le consenta di essere operata all’estero visto che in Italia non si trova nessuno disponibile a sanare danni di altri colleghi (Italiani): tra le tante battaglie in cui Elena ha messo la faccia, infatti, possiamo trovare la denuncia che ha promosso verso l’ospedale San Camillo dove è stata operata . Ed io credo che bloccare Facebook ad una persona come Elena, anche “solo” per 24 ore…equivalga a se avessero condannato Erri De Luca per le sue esternazioni sulla TAV. Ovvero lo ritengo un danno enorme. Ed è per questo motivo che ho deciso di scrivere queste righe a sostegno di Elena, un’amica che ha tanto da insegnare a tutti noi. Non è famosa come Erri De Luca e, conoscendola, non le interessa neanche diventarlo. Queste righe le indirizzo direttamente ad Erri De Luca, consapevole che non sarò degna di ricevere una sua risposta…e, anzi, probabilmente riceverò gli insulti da parte delle stesse persone che hanno insultato Elena…Ma io sto con Elena…e tu? Tu, caro Erri De Luca, non trovi indegno che sulla pagina che porta il tuo nome vengano bannate persone per avere espresso la propria opinione? e non trovi ancora più indegno che chi fa tabula rasa sia quella stessa signora Bisson con la quale condividi la nascita della “Fondazione Erri De Luca”? Io si e mi piacerebbe davvero tanto sentire la tua, VERA, opinione su quanto accaduto. Sono rammaricata solo dal fatto che “L’Espresso”, mentre scrivevo queste righe, ha rimosso l’articolo scusandosi persino con Erri De Luca…senza approfondire, evidentemente, la stretta relazione tra chi ha confessato apertamente di aver segnalato il post di Elena Trimarchi e lo stesso Erri De Luca…Peccato! Un’occasione persa per dare voce ai più deboli… Chiudo ricordando a tutti…che possiamo sostenere Elena nella sua battaglia personale e nelle tante battaglie che lei intraprende per tutti noi! Non giratevi dall’altra parte!
P.S. sono le 9.25 del 12/11/2015 e per dovere di cronaca vi segnalo che, ieri, a metà pomeriggio, Alessandro Gilioli mi “taggava” in un post su Facebook per mettermi a conoscenza degli aggiornamenti con queste parole:”Un link dovuto a diverse person Elena Trimarchi,Serenetta Monti e anche Erri De Luca, perché no. “. Il link cui si riferisce è l’aggiornamento effettuato dall’Espresso su questa situazione, con relativa RI PUBBLICAZIONE della lettera inviata da Elena Trimarchi. Ringrazio ufficialmente Alessandro Gilioli e L’Espresso, per aver ridato voce ai più deboli! Tanto vi era dovuto per dovere di cronaca.