Archivio mensile:Marzo 2010

Si va avanti!

In genere si dice passata la festa gabbata lo santo, ma qui la festa non è passata e il “santo” non si è fatto gabbare. L’unto del Signore ha posizionato la sua ancella sullo scranno della Regione Lazio e lei, con l’arroganza che contraddistingue certa parte politica festeggiava prima dei dati definitivi, salutando l’avvenuta vittoria col caro, vecchio, saluto romano che, a casa mia, configurerebbe “apologia di reato” .

Non basta. A caldo le ho anche sentito dire dalla Piazza che adesso “guai a chi osi sfidare la volontà popolare!” Tranne spiegare bene quale sarebbe la volontà popolare. Perchè se spiegarlo avesse significato delineare un programma politico, allora sarebbe stata in difficoltà. Di quale volontà popolare parla Renata Polverini? Di quella che vorrebbe una classe politica onesta, non corrotta nè corruttibile? O di quella che ha portato Cuffaro in Europa? Di quale volontà stiamo parlando? Di chi il paese lo vuole salvare dalle centrali nucleari, che vorrebbe lasciare l’acqua pubblica e non avere cancrovalorizzatori o di quella che alle 3,32 di una sciagurata notte rideva della morte di innocenti perchè da quelle morti ne avrebbe ricavato profitto?

Io ho preso 1632 preferenze su Roma e Provincia con l’unica volontà popolare che conosco: quella di cambiare modo di fare politica, di farla porta a porta, quella del “chi mi vota deve conoscere la mia faccia, la mia voce e come stringo la mano”. Considero queste 1632 preferenze parte di quella nuova politica, che vuole resistere alle oscenità, alle prepotenze, alle arroganze, alle corruzioni di tutti i tipi. E questi 1632 voti non sono altro che la base di un piccolo esercito. Una cosa è certa: il cammino è lungo, la fatica che ci aspetta è tanta, ma noi si che lo faremo con Amore, non quello oltraggiato dalla manifestazione di Piazza san Giovanni: quello per il nostro paese, per la nostra terra. Un solo esempio, il cittadino che, con profondo senso civico,  getta volantini dal furgone e lancia i suoi santini come coriandoli, forse non era a conoscenza dell’ordinanza del sindaco che vietava proprio questo gesto. L’ordinanza in base alla quale, per esempio, su tutto il mio materiale elettorale ho fatto apporre un timbro “gettare nell’apposito contenitore”, perchè anche questa dicitura era prevista dall’ordinanza. Mi dispiace, ma questa è la mia terra e io la difenderò! Con voi! Grazie a tutti quelli che hanno sostenuto il mio pensiero e accompagnato il mio cammino nella più brutta campagna elettorale degli ultimi 20 anni! Voltiamo pagina, c’è un paese da difendere.  Si va avanti!

Ci siamo! Istruzioni per l’uso

fsfronte2

Carissimi, ci siamo! E’ l’ultimo giorno di campagna elettorale e vorrei semplicemente ringraziare. Alcune cose le avevo già dette durante questo frenetico perdiodo ed anche in questi giorni, quindi non mi dilungherò. E’ stato un periodo intenso ed emozionante: ogni giorno ho vissuto momenti indescrivibili, fatto scoperte ed imparato nuove cose. Vorrei potervi raccontare tutto, ma oggi credo sia più importante che ci soffermiamo sulle modalità di voto in modo che non si crei confusione sulle schede al momento dello spoglio.
Io sono candidata indipendente per Italia dei Valori-Lista di Pietro, che sostiene la candidata presidente Emma Bonino. Sono candidata su Roma e Provincia, il che significa che tutti i comuni della Provincia di Roma possono scrivere il mio nome accanto al simbolo di Italia dei Valori. E’ importante per non creare confusione, barrare il simbolo di Italia dei Valori con una ics, poi scrivere il mio cognome MONTI accanto. Vi metto oomunque il link al ministero dell’interno in cui trovate tutte le indicazioni.
Credo di avervi detto tutto. Vi ricordo che attraverso il blog potete contattarmi direttamente. Qualsiasi cosa io vado a fare la rappresentante di lista a Fiano Romano. Rinnovo l’appello a tuti quelli che vogliono dare la disponibiltà per fare i rappresentanti di lista: rivolgetevi alla sede regionale di Italia dei Valori allo 06/3235700. Buon lavoro a tutti e …incrociamo le dita! Il mio grazie è per tutti voi, siamo pronti!

Grazie di cuore a Salvatore Borsellino

Come votare per me:

fsfronte2

Non so da dove cominciare. Mi sto ancora riprendendo dall’emozione!
Io sapevo che Salvatore nutre per me stima e affetto ed io altrettanto per lui…ma mai e poi mai mi sarei aspettata riuscisse con un video a condensare ciò che sono io, lui, Sonia Alfano, le Agende Rosse, le nostre battaglie…la mia vita.
So di essere particolare, a volte vengo scambiata per una Giovanna d’Arco o una Don Chisciotte. E quando mi viene detto, è sempre in senso dispregiativo… Salvatore ha capito tutto di me. Da lui ho solo e sempre sentito parole di apprezzamento e di incoraggiamento.
E di affetto. Di sommo affetto. Potrei dire “amore”…se in questo periodo non si fosse abusato di questo termine. La conclusione del mio intervento a Nettuno il 23 ottobre 2009, già prendeva le basi dal termine “affetto”, perchè era stato Salvatore, il 19 luglio 2009 a imprimerlo sulla “mia”, personale agenda rossa…quella che io ho ribattezzato il mio manuale di Resistenza: “Alla mia compagna di lotta Serenetta in un bellissimo 19 luglio a Palermo, per un nuova RESISTENZA con tanto affetto”…E, a Nettuno, io dissi: “Io vorrei capiste la linea di questo movimento: è l’affetto. Non ci muove nient’altro. E’ l’amore per questo paese che deve tornare ad essere un paese fiero di essere tale. E’ l’amore per chi porta avanti sentimenti come quelli di Salvatore”. Parlavo del Movimento delle Agende Rosse. Un altro pezzo di vita, di cuore…e che difenderò sempre con tutte le mie forze. Nelle parole di Salvatore sento tutta la sua fiducia in me, nelle mie capacità. E spero davvero di essere all’altezza delle sue aspettative. Perchè sapere che ho intorno persone come lui, Sonia Alfano, Luigi de Magistris, Gioacchino Genchi ad accompagnarmi in questo nuovo, tortuoso percorso, per me è una gran certezza! Quando Salvatore chiama “disgraziata” la nostra società, lo fa a ragion veduta! in quale altra società si sarebbe dileggiata la figura di Paolo Borsellino? È proprio per quelle “armi” di cui parla Salvatore che ho deciso di candidarmi come indipendente: le armi del diritto, della Costituzione…della Società civile. Quelle pacifiche del cittadino. Si, perchè per me il consigliere regionale è innanzitutto cittadino! E se questo dettaglio non venisse dimenticato così spesso da chi ci governa…il nostro paese sarebbe davvero diverso. Ma io ci credo ancora!Grazie a persone come Salvatore ci credo ancora!…e se potrò…allora usero quelle armi per riportare dignità, fiducia e futuro alla Regione Lazio. E lo dico da un posto particolare (assessorato all’ambiente del Comune di Roma): da ieri sono in assemblea permanente con i lavoratori della Società Multiservizi di Roma, che stanno chiedendo di vedere recepite le loro richieste dal Sindaco Alemanno. Sono miei ex colleghi, sono una dirigente sindacale…non potevo mancare! È in nome di quella fiducia e di quel futuro in cui credo che sono convinta che il sindaco Alemanno vorrà dare un segnale significativo ai lavoratori e alla cittadinanza tutta: questi lavoratori sono fondamentali per gestire il verde pubblico…e la loro stabilizzazione, porterebbe un risparmio netto di 4/5 milioni di euro al Comune di Roma. Sono davvero fiduciosa.

Io ringrazio voi

Antonio…un ragazzo come tanti…anzi, come pochi. Si, è un ragazzo, ma è uno di quei meravigliosi ragazzi che il Popolo delle Agende Rosse mi ha fatto conoscere! Uno di quei ragazzi che si accolla le spese per girare mezza Italia per andare a fare quadrato intorno a Sonia Alfano, Salvatore Borsellino, Gioacchino Genchi, Luigi de Magistris, i magistrati coraggiosi, i familiari delle vittime della mafia, i terremotati dè L’Aquila. C’è una battaglia, Antonio c’è. E con lui tanti ragazzi che hanno riscoperto dei valori. Riscoperto…perchè guardandosi in giro è difficile pensare che esistano valori…Non elencherò i cattivi esempi cui quotidianamente siamo sottoposti…No…oggi voglio pensare che l’Italia sia fatta dai ragazzi come Antonio. Un ragazzo che già aveva scritto una canzone, commovente, per Sonia Alfano e Beppe Alfano (http://www.youtube.com/watch?v=rWCURNnyAEQ) ed una per il Popolo delle Agende Rosse(http://www.youtube.com/watch?v=YfvFKxX0Hz0).
Oggi pubblico il video della sua dichiarazione a chi, in qualche modo, gli da la forza di continuare a combattere.
La musica, ha un potere straordinario. Ma Antonio trova delle parole che hanno un potere straordinario…”Io senza di voi, non camminerei a testa alta, non avrei l’orgoglio di portare avanti una battaglia…”…Quante volte l’ho pensato…Prima lo pensavo dei grandi uomini e delle grandi donne del passato…li vivevo come miei esempi da emulare. Non da seguire. Da emulare. Poi, l’ho pensato guardando grandi uomini e grandi donne del presente…ed alcuni li ho già nominati poche righe fa.
Ora…lo penso dei ragazzi come Antonio.
Quei ragazzi a cui non voglio lasciare l’Italia così. Quei ragazzi che non voglio costringere ad andare all’estero, per avere una possibilità di sperare e credere nel proprio futuro. Quei ragazzi che hanno pianto con me, dietro lo striscione che abbiamo aperto sotto il palco del Popolo Viola, dopo averlo fatto sfilare uniti e compatti(http://files.meetup.com/1521956/5-12-2009%20Roma%20No-B%20day%20Liana%20O.jpg). Io, Antonio, lo dico a te ed a quei ragazzi…”io senza di voi”…infatti, sono io che ringrazio voi…Non cedete!Finchè avrò fiato per farlo, urlerò per me e per chi non è capace di farlo. Fatelo anche voi! Non vi girate mai dall’altra parte se vedete davanti a voi un’ingiustizia. Non consentite a nessuno di calpestare le vostre idee, le vostre speranze i vostri sogni. E fino a che voi ci sarete io ci sarò! Insieme…solo insieme ce la possiamo fare a restituire dignità al futuro del nostro paese!

Io vado a votare

Comunque vada, molte sono le cose che ricorderò di questa campagna elettorale. Mi era successo già nel 2008, quando sono stata candidata a sindaco di Roma per la Lista Civica “Amici Beppe Grillo Roma”, e ora mi è ri-successo. Un cammino costellato di meravigliosi incontri, alcuni davvero inaspettati ma resisi poi fondamentali.
Quanto vorrei soffermarmi a raccontarvi che bella sensazione tresmette vedere persone sacrificare il proprio tempo per dedicarlo alla causa. Vorrei descrivervi ogni piccolo sacrificio cui i singoli si stanno sottoponendo per ragigungere l’obiettivo.
Ma non ce ne sarebbe il tempo. Queste per la Regione Lazio, sono elezioni veramente anomale: il clima che si è creato a seguito della confusione legata alla mancata presenza della lista PDL sulla scheda elettorale mi ha dato tanto da pensare. Ne ho sentita di gente scontenta in queste settimane di attività sul campo. Oppure ho sentito persone confuse.
Insomma “ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginavi…“. Eppure, nonostante tutto, nonostante lo sconforto altrui, nonostante la confusione, la rabbia, l’incertezza, la voglia di non fare più nulla e lasciarsi andare in balìa di chi il potere se lo tiene stretto,,,io sono convinta che queste elezioni daranno risultati impensati.
Mi spaventa l’astensionismo, questo si. Le persone sono arrivate a cottura e non hanno neanche voglia di uscire da casa per andare a votare MA NON E’ IL MOMENTO!Non è il momento di lasciare campo libero! E’ vero, io, nel 2008, non ho votato per le politiche e la Provincia e allora come adesso c’era la Lista IDV, ma non me la sono sentita di fare l’analfabeta: mettere solo una “ics” su un simbolo e non poter scegliere, con nome e cognome, il mio candidato. Le elezioni politiche ci hanno scippato la possibilità di votare davvero. Ma le regionali no! Alle regionali: IO POSSO SCEGLIERE ANCORA LA PERSONA e sono convinta che TUTTI dovremmo farlo. Se davvero si vuole dare un segnale politico, non è con l’astensione ora che si riuscirà a farlo. Io credo che il vero segnale politico sia andare a votare tutti, per tutti. Ovvero, non votare i vecchi dinosauri della politica ma dare spazio ai giovani o anche solo agli ultimi delle liste presentate. Per garantirci il diritto al voto, con la Costituzione, in molti, hanno versato sangue: io non voglio sputare sul loro sangue. Vi invito calorosamente ad andare a votare…e lo faccio con le parole di Claudia, che, se non si offende, voglio chiamare “nonna web”. Claudia ha 71 anni e mi ha scritto tramite il blog e le sue parole mi hanno commossa… forse non sono prontissima per l’agone politico se ancora mi commuovo così facilmente: “Voglio darti del tu perche’ ho 71 anni e ti considero una nipote e voglio dirti che ti votero’ perche’ sei in gamba e mi sembri anche una persona con delle belle idee e pulite,cose introvabili quasi in questo tempo. Mi dispiace che la tv non dia visibilita’ a te e alle tue idee , ma sappiamo gia’ come funziona il sistema. Tu sei candidata alla regione, o mi sbaglio, chiariscimi le idee per favore e dovunque sarai avrai il mio voto, di mio marito e di mia figlia.. In bocca al lupo per te e per noi. PS tanto per la cronaca sono romanista dalla nascita o quasi dai campetti del testaccio in cui andavo con mio padre, ma allora lo sport era una cosa vera ora i soldi hanno distrutto tutto. Chi ha cominciato strapagando giocatori e allenatori? Sara’ il mio chiodo fisso, ma anche qui il solito ….. ha distrutto tutto, dove passa sembra Attila e inoltre porta anche iella”.
Claudia mi ha anche fatto sorridere oltre che commuovermi, ma mi ha fatto capire la confusione che regna intorno alle elezioni: io sono candidata come consigliere alla Regione Lazio, sulla Provincia di Roma (significa che tutti i comuni della Provincia di Roma possono scrivere il mio cognome sulla scheda). Vi ricordo che alle regionali la preferenza è una e non tre come alle europee. Chiunque avesse dubbi sulle modalità di espressione del voto è pregato di non vergognarsi e domandare. Io ci sono… non ci faccio!

Minzolini vattene!

Grazie al Fatto Quotidiano ora sappiamo per certo quel che era dato per scontato: Minzolini è uomo di Berlusconi e come tale esercita il suo incarico di “direttorissimo” del TG1.
Già quando fu attaccato Antonio Ingroia, vi avevo chiesto di inviare una mail alla redazione del TelePravda di Rai1; forse quell’editoriale, come quello per screditare il pentito Spatuzza che parlò in aula di Dell’Utri e Berlusconi come referenti politici di Cosa Nostra dopo le stragi del 1992, fu commissionato dal “Grande Capo” in persona.
Torniamo a farci sentire e inviamo ancora una lettera al TG1!

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    ADESSO BASTA!

    Di cosa c’è bisogno ancora perché il “direttorissimo” del TG1 se ne vada immediatamente?
    Ora sappiamo, ma davvero non ce n’era bisogno, che Augusto Minzolini non è assolutamente all’altezza del ruolo che ricopre.
    Accettare le pressioni del potere dimostra, se non malafede, incapacità e totale mancanza di autorevolezza.
    Minzolini rassegni subito le dimissioni.

    Sanità laziale, sanità palestinese

    Venerdi 12 marzo, ci sarà l’incontro a Roma con Luigi de Magistris dal titolo: “DALLA REGIONE AL MEDIO ORIENTE: PERCORSI DI PACE E GIUSTIZIA”.
    Un momento di riflessione…
    Mentre il deficit della Sanità affligge la Regione Lazio (facendo persino pagare il ticket anche a chi ha patologie croniche) vengono impegnati 300.000 euro per finanziare una fondazione privata israeliana. Perché?
    Il progetto “Saving Children”, adottato dalla Regione Lazio il 27 maggio 2008, finanzia, infatti, la “Fondazione Peres” (israeliana) per rispondere alle esigenze del sistema medico palestinese, invece di sostenere direttamente il sistema sanitario palestinese. Questo progetto, già finanziato da altre Regioni (Toscana, Emilia-Romagna, Umbria e Friuli-Venezia Giulia) per un budget complessivo di circa 6 milioni di euro, è da sempre nel mirino di diverse associazioni per la sua ambiguità e per la scarsa o nulla trasparenza in merito all’impiego dei fondi italiani stanziati.
    Inoltre, la Regione Lazio stanzia 500.000 euro per la collaborazione scientifica e tecnologica con Israele (con progetti legati alla ricerca sulle nanotecnologie), sapendo perfettamente che in Israele non esiste una chiara separazione fra ricerca civile e ricerca bellica. Perché questo stanziamento? Sin dal luglio 2006, diverse associazioni hanno chiesto di visionare i testi dell’accordo e che la regione Lazio non si faccia più promotrice di collaborazioni con soggetti che risultino essere direttamente o indirettamente coinvolti in attività di guerra. Non c’è stata alcuna risposta.
    Le stesse associazioni chiamavano in causa “Sviluppo Lazio”, l’Agenzia di attuazione della programmazione regionale in materia economica, presieduta da Giancarlo Elia Valori, fascicolo di iscrizione alla Loggia P2 n. 283, sempre senza ricevere alcuna risposta.
    Le Regioni possono svolgere un ruolo importante per contribuire all’affermazione di una cultura di pace e di giustizia. Quella cultura del Diritto che vogliamo tornare a far vivere in un Paese devastato dalle leggi ad personam e dal sostegno del governo ai peggiori massacri commessi nel mondo – come si è premurato di ricordare Silvio Berlusconi nella sua ultima visita in Israele e con il rinnovato impegno nella guerra in Afghanistan – deve vivere nella politica ad ogni livello. In un mondo globalizzato, non si può non pretendere, accanto al rispetto dello Stato di Diritto, il rispetto del Diritto Internazionale, delle Risoluzioni dell’ONU e delle sentenze della Corte Internazionale di Giustizia.
    Per discuterne insieme, per trovare la strada verso una Regione che promuova la Pace, la Giustizia e il Diritto, il Comitato per “Serenetta Monti alla Regione Lazio” invita a partecipare all’incontro Venerdì 12 marzo, alle 16.00 presso il Centro Congressi Cavour, in via Cavour n. 50/a

    Sono invitati: Ahmed Dawud (Comunità Palestinese di Roma e del Lazio), Mohamed Hanoun (Associazione Palestinesi in Italia), Myriam Marino (Rete Ebrei contro l’Occupazione), Mila Pernice (Forum Palestina – Campagna italiana Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni), Yusef Salman (Mezzaluna Rossa Palestinese in Italia) , Nella Ginatempo (Patto contro la guerra)

    Introduce Serenetta Monti, Candidata Indipendente IDV alla Regione Lazio.

    Partecipa Luigi De Magistris, Deputato Europeo, componente della Commissione del Parlamento Europeo per il Medio Oriente

    Coordina la giornalista Stefania Pavone

    Ps. Siete, inoltre tutti invitati allìaperitivo che si farà giovedi 11 marzo presso il Sottocasa di Andrea in via dei Reti, 25 – Roma- zona san Lorenzo, a partire dalle ore 19.30