Archivi tag: Muraro

Chi siamo. Chi sono. Multiservizi, riassunto.

Io sono entrata nell’USI, quasi vent’anni fa. Qando intorno a me si stava compiendo l’ennesimo scempio nel mondo del lavoro con uso e abuso di lavoratori LSU/LPU. Progetti partiti in tutta Italia come “lavori socialmente utili”, servivano a sopperire le carenze organiche delle pubbliche aministrazioni con manodopera qualificata pagata al minimo.
Grazie al sostegno dell’USI ed insieme a tanti compagni di viaggio, con cui abbiamo condiviso l’esperienza dell’Assemblea dei Lavoratori e delle lavoratrici “POLIS”, sono riuscita a firmare un protocollo di intesa con il Comune di Roma per l’assunzione di circa 700 persone, (una buona parte all’interno del Comune stesso, grazie alle loro prerogative professionali), l’altra parte (me compresa) presso aziende municipalizzate.
Oggi, come negli anni passati, mi ritrovo con l’USI a difendere i posti anche di chi lavora nelle municipalizzate. Una su tutte è la Roma Multiservizi SPA, tristemente nota per una gestione discriminante e discriminatoria del proprio personale ed oggi, parte integrante del Piano di Rientro, laddove ne è prevista la cessione delle quote di AMA SPA (che ne detiene il 51%).
Nel 2015 l’USI è stata parte attiva anche negli incontri istituzionali tenutisi a Palazzo Chigi (con il Sottosegretario De Vincenti) ed al Ministero del Lavoro (con il Capo di Gabinetto del Ministro Poletti).
In entrambe le occasioni si sono sostenute le proposte che partivano da una petizione tra lavoratori che prevedeva un assorbimento in AMA, ma l’USI ha sempre ribadito la necessità di re – internalizzare i servizi, poiché sarebbe la soluzione più conveniente per gli Enti Locali. Ricordiamo che il sottosegretario De Vincenti ribadì che la “gara a cinque lotti va avanti”, ma “ascoltare…è un buon costume istituzionale”. Ma aggiunse anche che  per il Governo è “prioritario il risanamento finanziario e morale di Roma”, e fu data, proprio in quell’occasione,  disponibilità ad ascoltare “alternative in grado di produrre più risparmi del bando di gara.”C’è infatti da garantire alla “collettività”, disse “… che il risanamento del Comune di Roma va avanti”.
In questo senso va la proposta sostenuta dalla stessa sindacA Raggi, come dichiarato dall’assessora Muraro già il 4/10 u.s., di acquisire le quote del “privato”. Sia nell’incontro con il Sottosegretario De vincenti che in quello con il Capo di Gabinetto di Poletti, fu promossa la richiesta di un “tavolo interistituzionale governativo e parti sociali” per definire piani di salvaguardia per tutti i lavoratori coinvolti, ma ad oggi non si ha alcuna notizia in tal senso.
Oggi insistiamo e resistiamo, con lavoratori e lavoratrici,  affinché venga interrotto una volta per tutte il sistema discriminante e discriminatorio di Multiservizi, confermato per l’ennesima volta venerdi 21/10 u.s, nella Commissione Ambiente dove, Multiservizi, per scongiurare i circa 60 licenziamenti di addetti nel verde, posti in mobilità , mentre l’azienda assumeva lavoratori a tempo determinato, ha proposto di passarli alle scuole, utilizzando un accordo con il dipartimento scuola di cui non conosciamo i particolari.
Dal 2015, l’USI ha organizzato scioperi e mobilitazioni con buone adesioni, nonostante i limiti imposti dall’azienda con i sindacati concertativi, i quali, oggi, dopo mesi di mobilitazione, si accorgono che molto è stato fatto ed ottenuto per merito dell’ USI  e si accodano frettolosamente alle nostre richieste, promuovendo un battage mediatico che rischia di confondere le idee.
Ma, noi, (io, l’USI e lavoratori e lavoratrici interessati), domani, 25/10,  saremo nuovamente in Campidoglio, dalle 14,  per ascoltare le risposte degli assessori Colomban e Muraro all’interrogazione di Valeria Baglio del PD…SIAMO CURIOSI…Guarda un po’…

La Roma Multiservizi società di primo livello di Roma Capitale?… SI PUO FARE!!

Ricapitoliamo, soprattutto per chi non sapesse neanche di cosa stiamo parlando. Roma Capitale, come tutti gli Enti Locali, possiede della società municipalizzate (erogano servizi per conto dell’Ente che ne detiene le azioni). Queste società si definiscono di primo livello se le azioni sono al 100% detenute dall’Ente, di secondo livello laddove le quote sono in partecipazione con privati.   L’AMA è la società che si occupa dei rifiuti ed è 100% comunale, peró…detiene il 51% di Roma Multiservizi (il restante 49% è di Manutencoop). Negli anni, con l’USI, siamo più volte intervenuti per cercare di ottenere trasparenza sugli appalti ed il rispetto dei diritti dei lavoratori che, nel tempo, hanno subito, ingiuste procedure di licenziamento. Non ultimo il caso eclatante avvenuto durante la Giunta Marino dei “48 del verde”. Oggi siamo ad un bivio: da una parte il Piano di Rientro concordato nella famosa cabina di regia della Giunta Marino con il ministro Madia (e che prevede la dismissione delle quote detenute da AMA in Multiservizi, come, peraltro stigmatizzato nella delibera 13/2015) e dall’altra una gara “a cinque lotti”, meglio nota con il nome di “Global Service” perché racchiude più servizi del settore scolastico, che scade il 10 novembre prossimo. Ebbene, se da un lato c’è un baratro predisposto dal Governo Renzi…che, però, ha previsto anche la salvaguardia dei livelli occupazionali per i lavoratori della Multiservizi…dall’altro c’è un ostacolo da rimuovere il prima possibile perché si possa trasformare la Roma Multiservizi in una società di “primo livello” : sospendere la gara del “Global Service” in “autotutela”. Eh si, perche in una commissione ambiente particolarmente partecipata dai lavoratroi della Multiservizi, il 4 ottobre scorso, l’Assessora Muraro, per conto della Sindaca Raggi, esprimeva, a chiare lettere, la volontà di fare questo passaggio: trasformazione in società di primo livello. D’altronde, anche l’ormai ex assessore al bilancio, Minenna, si era espresso in tal senso, tracciando le prime linee guida. Certo, ascoltare nella Commissione il Presidente Torreti, evidenziare la necessità di un secondo giro di verifica da parte della “due diligence” (esterna!) per verificare lo stato del valore sul mercato di Multiservizi, mi ha fatta rabbrividire…Altri soldi pubblici impegnati in queste verifiche…dopo soli due anni dall’ultima. Ma tant’è! L’impegno della Sindaca c’è. Lavoratori e lavoratrici vigilano sotto l’occhio attento dell’USI che ha sempre avuto un corretto approccio alla politica, mai come apparato burocratico, ma sempre e solo come lavoratori. Non abbiamo mai illuso i lavoratori, ma ci siamo mossi per ottenere i pronunciamenti ufficiali nelle sedi competenti e opportune. Siamo convinti della necessità di creare una “famiglia” (una nuova Roma Multiservizi) UNITA, dove il lavoro viene redistribuito in modo tale che lavorino tutti e tutte, senza figli e figliastri o il nepotismo di una volta, incancrenitosi nel tempo.
ACQUISIRE LE QUOTE DI ROMA MULTISERVIZI, RIMASTE ORA AL PRIVATO, FACENDOLA TORNARE TUTTA A GESTIONE PUBBLICA SOTTO IL TOTALE CONTROLLO COMUNALE, ANCHE SECONDO IL NUOVO TESTO UNICO SULLE PARTECIPATE IN VIGORE DAL 23 SETTEMBRE 2016, VUOL DIRE, IN CONCRETO, TUTELARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO A ROMA MULTISERVIZI!
In tal modo, lavoratori e lavoratrici sarebbero, finalmente, svincolati, da una logica separatista che li vuole parcellizzati (e indeboliti!) e si ridarebbe, alla gestione pubblica, la possibilità di formulare un piano di ri-organizzazione del lavoro (più equo e razionale rispetto al passato) e della negoziazione più utile anche con altre pubbliche amministrazioni, per esempio quelle statali…
Questo è il nostro modo di lottare, agendo sempre dal basso, attraverso l’autorganizzazione, senza padrini o padroni.
E continueremo a farlo anche il prossimo 18 ottobre che si terrà un’altra commissione Ambiente dedicata ad affidamenti specifici di Roma Multiservizi, in scadenza, con relativo, ennesimo rischio di licenziamenti.