Tutti gli articoli di Serenetta Monti

E quindi? E’ colpa di Papa Francesco?

 

E, alla fine, il vero problema di questa città è Papa Francesco?…davvero Papa Francesco? Davvero QUESTO Papa? Quello della “misericordia” che cerca di ricordare ogni giorno (soprattutto a chi va a battersi il petto in chiesa tutte le domeniche e una volta uscito già s’è scordato il messaggio di Cristo) i valori che Gesù Cristo ci ha lasciato?! Davvero è colpa sua se il Sindaco Marino si è dimesso? AH NO! Scusate…è colpa del “sistema mafioso che Marino aveva cominciato ad attaccare”. AH SI?! QUANDO? DOVE? Perchè allora io non me ne sono accorta. Queste citate,  sono affermazioni che abbiamo sentito da quando il Papa ha sbugiardato il Sindaco dicendo che lui davvero non lo aveva invitato a Philadelphia. Oppure quando sono usciti gli scontrini ballerini (“pranzo con la famiglia”?, no, “con la Comunità di Sant’Egidio”?…ah no!…”…con la delegazione Vietnamita”…PUNTUALMENTE SMENTITO!). E la sapete una cosa? A me gli scontrini non interessano! Li lascio al vaglio della Magistratura…io “vivo” il Campidoglio, con i suoi amministratori da troppi anni per non poter dire che che per me Marino è stato un sindaco inadeguato sin dal suo insediamento. Faccio mie le parole dell’ormai ex assessore alla legalità Alfonso Sabella che, in un’intervista  così ha detto:”…Quando sono arrivato nella Giunta di Ignazio Marino ho trovato una macchina burocratica devastata, con dirigenti inadeguati, in parte incapaci e in parte sicuramente corrotti.”ESATTAMENTE!…I più accorti, ricorderanno che l’Assessore Sabella è entrato in Giunta solo dopo lo scandalo di “Mafia Capitale”…E Marino era già un anno e mezzo che “governava” e riceveva, per esempio, solleciti dall’USI (Unione Sindacale Italiana) riguardo gare “farlocche” che hanno lasciato in strada (sempre a titolo d’esempio!) 48 lavoratori licenziati dalla Roma Multiservizi SPA e per cui, gli stessi licenziati, avevano chiesto che il Comune sospendesse la gara invocando “l’autotutela”. O la gara dei canili comunali che oggi rischia di far licenziare i 100 lavoratori che, da quasi vent’anni, hanno reso la gestione dei canili e il servizio adozioni un’eccellenza in tutta Italia!
Vogliamo andare avanti? Vogliamo dirlo che nominare come Assessore Alfonso Sabella è stata una scelta forzata? Il fango di “Mafia Capitale” si era insinuato in troppi gangli, ingestibile anche dal punto di vista mediatico. Un PD Romano devastato aveva bisogno di una figura tecnica, la cui specchiata moralità fosse il biglietto da visita. Fondamentale. Ciononostante, il Sindaco ha continuato ad essere assente. Non ha risposto (né lui né qualcuno per suo conto) alla Presidenza del Consiglio dei Ministri che poneva un quesito sacrosanto: come mai i “48” fossero stati licenziati stante la L. 147/2013 e lo stesso Piano di Rientro concordato con il Governo Renzi e che prevede (tutt’ora!) la “salvaguardia dei livelli occupazionali”…visto che, prima o poi …della Roma Multiservizi dovrà essere liquidata la parte pubblica. Ecco, se questo è il Sindaco che una parte di cittadini Romani sta difendendo in questi giorni…io mi arrendo. Roma ha bisogno di un sindaco forte politicamente e capace di svolgere il proprio ruolo contrastando realmente i poteri forti. Ci siamo scordati tutti che lo stesso Marino ha prolungato l’usanza degli affidamenti diretti? E, intanto, non accettava confronto con le parti: cittadini, lavoratori, disoccupati, movimenti per il diritto all’abitare. MAI! E cascava sempre dal pero, come evidenzia il video postato. Eppure di proposte per compiere azioni risolutive per questa città ne avrebbe potute ricevere! No, meglio andare a cercare “investitori” all’estero. Intanto Roma veniva messa in ginocchio da temporali di un’ora. La mondezza cresceva tanto quanto le erbe infestanti dei parchi cittadini. Ma no la colpa non è sua…infatti, “ora che si è dimesso…vedrete!”…No, io non mi aspetto di veder risorgere questa città in poco tempo. Mi aspetto, però di vedere più rispetto per tutte quelle categorie di lavoratori e lavoratrici attaccate dall’ex sindaco come se si fossero arricchite a spese di tutta la comunità, con stipendi da neanche 1000 euro al mese. Si, perché questo Sindaco è stato capace anche di creare la guerra tra poveri con le sue dichiarazioni contro Vigili Urbani, lavoratori AMA ed ATAC. Senza, MAI, colpire realmente le dirigenze la cui mala gaestio decennale, ha prodotto buchi esorbitanti. Alcuni “suoi” consiglieri, in particolare la ex Presidente della Commissione Politiche Sociali (Erica Battaglia), hanno persino rinunciato (dichiarazione al termine della Commissione Bilancio del 4 marzo di quest’anno) a pretendere il risanamento di un debito di circa 10 milioni che la Regione Lazio deve alla Società Farmacap (Azienda speciale di Roma Capitale) …la stessa società che il Sindaco ha attaccato ferocemente sulle testate giornalistiche per il debito macroscopico nel bilancio. E CI CREDO!…se come Comune non pretendi neanche i soldi dovuti!!!…Ok, signori miei, questo è il “VOSTRO” sindaco. Non il mio. E non so chi voterò alle prossime elezioni…so che dovrà essere davvero bravo per convincermi a dargli (o darle) il mio voto! AH! una cosa è certa: tutti quelli che amano tanto Roma…ma proprio non possono lasciare la propria poltrona di deputato/senatore (perchè un “non statuto” lo impone…)  per tentare la corsa in Campidoglio…non lo avranno mai il mio voto…Se ami Roma, puoi rischiare i tuoi privilegi! PS. Ovviamente il Sindaco Marino non ha mai più incontrato i licenziati che hanno passato mesi infernali con il sussidio di disoccupazione prima e il nulla, poi, per vedersi dare ragione da un Tribunale…Quanti soldi la Comunità avrebbe risparmiato se il Sindaco e l’Assessore all’Ambiente avessero correttamente vigilato sulla loro “partecipata”? Alcuni licenziati stanno portando avanti la causa…vinceranno anche loro!

La cultura va in vacanza…?

biblioteche chiuse2A Roma la cultura va in vacanza…già! con il “nuovo” modello deliberato dal CdA dell’ISBCC (Istituzione Biblioteche Centri Culturali) TUTTE le biblioteche di Roma Capitale chiuderanno due settimane ad agosto. Ecco perchè le RSU USI Giorgio Salerno e Francesco Sordi hanno immediatamente scritto alla Direzione dell’Istituzione, per avere chiarimenti. Non era mai accaduto: si facevano le rotazioni per garantire un presidio socio culturale anche nelle zone periferiche della città. Evidentemente una città informata con cittadini consapevoli crea problemi a questa Giunta che ci vorrebbe pecore consenzienti e supine alle scellerate scelte di taglio delle risorse per i servizi essenziali. Anche la scelta (sempre del CdA ISBCC) di aprire le porte al “volontariato” crea un problema serio: l’inserimento dello “sfruttamento a norma di legge”. Eh si, le leggi consentono l’accesso ai volontari, ma altre leggi, prima, ci direbbero di scorrere la graduatoria dei vincitori del concorso per bibliotecario e magari di equiparare i livelli del personale Zètema impegnato (da sempre) a svolgere le medesime mansioni dei loro colleghi  comunali. Come mai queste di leggi non si rispettano? Zètema è una società strumentale, il cui100% di azioni appartiene a Roma Capitale e, proprio, la scorsa settimana ha visto rinnovato il proprio contratto di servizio. Ma davvero possiamo parlare di “rinnovo”? Fino ad oggi non era mai successo che non venisse rinnovato il contratto di servizio per tre anni (utili a garantire il rispetto dei principi di efficacia ed efficienza economica dettati anche dall’autorità Capitolina). Questo rinnovo, invece, è fino a dicembre 2015. Considerato che dal 1 gennaio 2015 eravamo in proroga fino al 31 marzo scorso,  io la chiamerei maxi proroga. Sono molto curiosa di leggere la delibera di giunta relativa tale ” rinnovo” ma sono rassegnata ai tempi pachidermici della burocrazia informatica del sito del Comune: aspetto ancora di vedere pubblicata la delibera di giunta per il rinnovo del contratto di servizio delle biblioteche risalente ad aprile…E intanto…Come RSU/USI ho indetto un’assemblea per tutti i lavoratori e le lavoratrici Zètema che si terrà il 3 giugno dalle ore 13 alle 16 presso la sala riunioni di Civita in piazza Venezia.

OOH! ERA ORA! GRAZIE SINDACO MARINO!…per avere dimostrato che avevamo ragione noi a denunciare inadempienze ed inefficienze…

sindacoE dopo tanto tempo che non scrivevo più su questa pagina, stavolta non potevo esimermi. UN EVENTO ME LO IMPONE! Come ricorderete, è da settembre 2014 che la Società Roma Multiservizi SPA ha licenziato “48” , tra lavoratori e lavoratrici che si occupavano del verde pubblico (qui, un breve riepilogo )
Da agosto 2014, la vicenda è su tutti i tavoli istituzionali. La notte tra il 6 ed il 7 agosto 2014, fu votata, all’unanimità, una mozione in Assemblea Capitolina che impegnava  il Sindaco e la Giunta “ad avviare, nei confronti del personale di Roma Multiservizi S.p.A., precedentemente impiegato nell’appalto per la manutenzione del verde delle scuole statali, la procedura prevista dalla legge n. 147/2013, art. 1, commi 563, 564, 565 e 566, al fine di ricollocare i lavoratori in esubero, nell’ambito della medesima società ovvero presso altre società controllate da Roma Capitale”.
A settembre, purtroppo, i lavoratori sono stati licenziati (nonostante il Piano di Rientro, nel dettato relativo la “dismissione” della Multiservizi, indichi “l’attenzione rivolta alla salvaguardia dei livelli occupazionali”) e l’8 settembre 2014 il consigliere Gianluca Peciola, capogruppo di SEL in Campidoglio, a riguardo, presentava un’interrogazione. Il testo  interroga “il Sindaco e l’Assessore competente per conoscere i motivi per cui non sia stata applicata la procedura prevista dalla legge 147/2013, in relazione alla ricollocazione dei lavoratori Multiservizi in esubero, presso le altre società controllate da Roma Capitale” (come indicato anche nella sopra citata mozione). Prima di commentare la risposta che il Sindaco ha dato a quest’interrogazione, guarda caso, il 12 marzo scorso…mentre con Augusto Fantini denunciavamo la sua totale assenza in tutta questa storia, durante un’intervista su “Ditelo a Roma Uno” … Ebbene, prima, ci tengo a sottolinare che i licenziati, si sono sentiti dire per parecchio tempo che la mobilità interaziendale prevista dalla Legge 147/2013 FORSE non era applicabile alle partecipate di secondo livello (superfluo dire che non è così)  e che si doveva interpellare l’Avvocatura…E se non fosse stato per una richiesta promossa dal Gruppo Capitolino M5S, visti i ritardi nel farlo da parte dell’Assessore all’Ambiente, oggi non avremmo quel parere e neanche l’ammissione delle colpe che il Sindaco ha involontariamente declamato nella sua risposta. Eh si!…perchè le conclusioni della risposta del Sindaco sono desolanti ed imbarazzanti allo stesso tempo:”…La mozione (del 6/7 agosto 2014 ndr) si limita ad impegnare il Sindaco e la Giunta ad “avviare” […] la procedura prevista dalla legge n. 147/2013; ebbene questo avvio presuppone, necessariamente una corposa istruttoria che prescinde dall’ipotetica fattibilità dell’operazione di per sé consentita – in via teorica- dalla normativa. In sostanza, la riallocazione in altre aziende del personale è influenzata dal verificarsi di tutta una serie di condizioni, specialmente fabbisogni di personale ed esigenze funzionali e organizzative di ciascuna società, concretamente accertate caso per caso ed espressamente imposte dalla stessa legge n. 147/2013.”.
IN VIA TEORICA”???????????? LA LEGGE LO PREVEDE È STATO IL COMUNE DI ROMA (cercatevi i responsabili!) CHE NON HA AVVIATO LE PROCEDURE PREVISTE IN TEMPI UTILI! La normativa è del 2013, i primi avvisi di licenziamento risalgono ad agosto 2013, con relativi periodi di Cassa Integrazione che si sono protratti fino al 2014. A febbraio 2014 c’è stata la conclamazione di quei licenziamenti che sono stati definitivamente imposti a settembre 2014…E IN UN ANNO DI TEMPO L’AMMINISTRAZIONE NON È RIUSCITA AD AVVIARE LA “CORPOSA ISTRUTTORIA”?????? VERGOGNATEVI!!!! Esiste un Dipartimento  precipuamente impegnato sulle “Partecipate”.Ma…Se questo è il modo di “monitorare”, indirizzare, etc. ..Stiamo tutti a rischio (noi che lavoriamo per le municipalizzate)…perchè quelle, poche, tutele previste ”in via teorica” dalle leggi vigenti neanche vengono predisposte!

E’ anche per vedere rispettati questi diritti minimi e contro gli sciagurati tagli di Bilancio previsti dalla Giunta Marino che giovedi 19 marzo, prossimo, a partire dalle 16, saremo in piazza con le altre realtà Romane per partire in corteo tutti insieme.

#JeSuisCharlie

charlie-hebdo

Per quanto piccolo, per quanto insignificante…questo blog, oggi, è a lutto. La libertà di espressione, di stampa…di pensiero…sono diritti inviolabili…e fin quando esisterà la satira…saremo tutti sicuri che tali libertà esistono ancora…E I DIRITTI DIFESI…per questo oggi siamo tutti #Charlie!

I licenziati dalla Multiservizi occupano Campidoglio e il Sindaco Marino…intanto…

Qualcuno di voi, avrà avuto modo, in passato, di seguire altri licenziamenti effettuati dalla Roma Multiservizi SPA (Società partecipata da AMA al 51%). Ma i “48” licenziamenti in atto, hanno qualcosa di diverso: non dovevano essere proprio avviati. Voi direte “perchè”?…se una società ha degli esuberi…deve tutelarsi in qualche modo. Peccato che questa società veda, appunto attraverso AMA, la partecipazione di Roma Capitale. Al punto che, nel Piano di Rientro concordato con il Governo Renzi, il Sindaco e la sua Giunta abbiano previsto la dismissione totale di Multiservizi, previa la “salvaguardia dei livelli occupazionali” dei dipendenti. Inoltre va tenuto presente che la Legge 147 del 2013 ai commi dal 563 al 568 prevede la “mobilità interaziendale” per il personale eccedente. Poichè i 48 licenziati hanno gridato sin dall’inizio queste anomalie (io stessa ne ho fatto menzione la prima volta l’8 agosto scorso ad un tavolo allargato cui era presente anche l’Assessore all’Ambiente Estella Marino, oltre il coordinatore della maggioranza Capitolina, on. Fabrizio Panecaldo ed i consiglieri d’opposizione On. Alessandro Onorato per la Lista Marchini e l’On. Marcello De Vito del Movimento Cinquestelle). Ebbene, dopo l’anomala procedura di licenziamento avviata con degli sms di preavviso sui telefoni personali che è stata ratificata dalle lettere arrivate il 2 settembre, i lavoratori si sono ribellati. E si sono visti fare una serie di proposte oscene: da iniziali 15 ore a settimana (anche per chi ne faceva 40 e che significano 296 euro al mese…) alle attuali 30 ore per 12 mesi…dopo aver occupato la Sala delle Bandiere, prima e la Sala del Carroccio, poi (in Campidoglio) da martedi scorso a giovedi scorso. In mezzo, il faccia a faccia con il Sindaco Ignazio Marino che, anzichè recepire lo stato gravissimo della situazione (per cui il Segretariato Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha scritto, chiedendo chiarimenti, al Gabinetto del Sindaco e per cui esiste un’interrogazione depositata in Senato e che ha come prima firmataria la senatrice Monica Casaletto) ha preferito prendersela con i “guardaportone”, Vigili Urbani che si occupano degli ingressi in Campidoglio. Peccato!! Forse dimentica che la strana prassi (che va contro il Regolamento, cosa per cui il Movimento Cinque Stelle Capitolino ha promosso una segnalazione anche alla Prefettura) che vige al momento, è che entrino ad assistere all’Assemblea Capitolina quei cittadini i cui nomi siano stati depositati dai consiglieri comunali all’Ufficio di Presidenza e che abbiano ricevuto il visto dalla stessa Presidenza. Dopodichè, quei nomi, arrivano ai guardaportone che ritirano il documento di identità e consegnano un passi. Per cui, insieme ai licenziati, voglio manifestare la mia solidarietà anche ai guardaportone, vittime, essi stessi, della mancata comunicazione che regna all’interno del Palazzo. Tutto ciò non accadrebbe se un Sindaco non avesse paura dei propri cittadini e lasciasse libero accesso per assistere all’Assemblea Capitolina, come richiesto anche dalla stessa senatrice Casaletto. Chiudo lasciandovi il comunicato fatto girare dai licenziati, una volta abbandonata l’occupazione della Sala del Carroccio, avendo ottenuto l’apertura di un Tavolo Tecnico che speriamo risolva quanto prima questa drammatica situazione. PS: siete tutti invitati alla riunione della Rete Municipalizzate Roma che si terrà mercoledi 15 ottobre, a partire dalle ore 18,30, presso la Camera del Lavoro Autorganizzata Roma sud est – Laboratorio Sociale Quarticciolo via Ostuni 9 – piazza del Quarticciolo.

COMUNICATO: LICENZIATI DELLA MULTISERVIZI LASCIANO L’OCCUPAZIONE DEL CAMPIDOGLIO.

” Siamo usciti perche’ rispettiamo l’impegno che fino ad oggi hanno mostrato tutti i
consiglieri che supportano la nostra battaglia” A parlare e’ Augusto Fantini
uno dei licenziati che in questi giorni e’ rimasto in Campidoglio . Prosegue ”
Ieri, al termine del Consiglio il Presidente d ‘Aula, ha chiesto ai capigruppo
se  avessero voluto incontrare i lavoratori in occupazione . Ma l’incontro non
ci e’ stato.  In serata  e’ venuta la consigliera Azuni dicendoci che la
prossima settimana verra’ avviato il tavolo tecnico con l’Assessore Estella
Marino che verra’ seguito anche dalla consigliera Tiburzi . In questo primo
passaggio la consigliera Azuni fara’ da intermediario con il dr Fucito. Ci
attendiamo che il nostro reintegro venga effettuato in tempi rapidi, vista
l’unanimita’ di intenti della forze politiche. Aspettiamo anche la risposta del
Gabinetto del Sindaco alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sui nostri
licenziamenti. In ultimo, vogliamo ringraziare On. Giorgia Meloni per esserci
venuta a portare la sua solidarieta’ e disponibilita’ e la Senatrice Casaletto,
prima firmataria di un’interrogazione sulla nostra vicenda  : aspettiamo le
risposte dei ministri competenti. in tutto cio’, resta lo sconforto di non aver
ottenuto l’incontro con il Sindaco nonostante lo avesse detto lui in prima
persona .

Ama la vita…

Raramente leggo un giornale cartaceo. Sono un’accanita radioascoltatrice al contempo internauta…Eppure, di tanto in tanto, mi capitano tra le mani giornali cartacei…Venerdi scorso mi è capitato “Il Messaggero“…e ho letto una notizia agghiacciante se confermata: “Russia, si impicca in diretta. E sul forum lo incitano e nessuno avverte la polizia”

Non so se sia stata confermata la morte di questo ragazzo. Esistono, però, i folli commenti di chi lo ha incitato…come se suicidarsi (togliersi la vita) fosse un gioco cui partecipare.

Spero che siano in molti quelli che, come me, di fronte a chi annuncia il proprio suicidio non agiscano da idioti e cerchino di dare conforto ed aiutare chi attraversa, evidentemente, un momento di sconforto. La vita, per quanto difficile possa diventare è sacra. Noi esseri umani abbiamo cambiato le regole del gioco, creando condizioni disumane in cui, i più deboli (o chissà? Forse i più forti sono loro…) cedono e decidono di togliersi la vita piuttosto che continuare ad affrontare il quotidiano. Anche se questo, in ultima analisi, significa ferire profondamente chi ci sta vicino e ci ama. Io non sarò mai così disumana da incitare qualcuno a togliersi la vita e finché avrò fiato cercherò di dare un briciolo di conforto a chi non ha più la forza di vedere raggi di sole alla fine di tunnel bui.

Tutti abbiamo bisogno di chi ci insegni ad amare la vita…perchè spesso da soli…non ne siamo capaci…io seguirei…per iniziare…le parole di Madre Teresa di Calcutta…voi?

 

Ama la vita

Ama la vita così com’è
Amala pienamente, senza pretese;
amala quando ti amano o quando ti odiano,
amala quando nessuno ti capisce,
o quando tutti ti comprendono.
Amala quando tutti ti abbandonano,
o quando ti esaltano come un re.
Amala quando ti rubano tutto,
o quando te lo regalano.
Amala quando ha senso
o quando sembra non averlo nemmeno un pò.
Amala nella piena felicità,
o nella solitudine assoluta.
Amala quando sei forte,
o quando ti senti debole.
Amala quando hai paura,
o quando hai una montagna di coraggio.
Amala non soltanto per i grandi piaceri
e le enormi soddisfazioni;
amala anche per le piccolissime gioie.
Amala seppure non ti dà ciò che potrebbe,
amala anche se non è come la vorresti.
Amala ogni volta che nasci
ed ogni volta che stai per morire.
Ma non amare mai senza amore.
Non vivere mai senza vita!

 

“Io ne ho viste cose…”

« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »

Queste sono le battute di Rutger Hauer nel celebre monologo di Blade Runner…Oggi si usano quelle parole per indicare situazioni incredibili…Come quelle dell’ultima settimana a Roma…Il mio ultimo post era dedicato agli sms di licenziamento ricevuti dai lavoratori della Multiservizi. La loro situazione è, purtroppo, evoluta in senso negativo. Il 2 settembre, infatti, sono cominciate ad arrivare le lettere di licenziamento…Paradossali, incredibili…e SPORCHE! Sporche come tutte le azioni che vengono svolte senza trasparenza. Già…la trasparenza. Persino durante la Commissione Trasparenza, tenutasi venerdi 5 settembre e presieduta dal Vice Presidente Marcello De Vito non si è riusciti ad avere dalla neo Amministratrice Delegata di Multiservizi (Trenti) informazioni sulle modalità con cui sia stata stilata la lista dei lavoratori da licenziare (visto che molti di loro non appartengono alla ormai famigerata commessa perduta dalla Multiservizi ed il cui bando di gara non ha mai previsto l’applicazione della clausola di salvaguardia). Allo stesso modo non sono riusciti a farsi dire dalla dr.ssa Trenti come si articolava la proposta delle 24 ore promossa il giorno prima dal Presidente di Multiservizi (Torreti)…Insomma, migliaia di euro di stipendio…buttati! In questi giorni, inoltre, abbiamo visto lo sgombero del Cinema America, occupato negli ultimi due anni da ragazzi il cui unico obiettivo è sempre stato quello di riconsegnare alla collettività un centro di aggregazione socio-culturale a fronte di un progetto di edificazione di 50 miniappartamenti nel cuore di Trastevere.

Questo, insomma, accade a Roma: accanimento sui più deboli. Eppure il sindaco Marino l’8 agosto ha sottoscritto il Piano di Riequilibrio con il Governo Renzi: impegni precisi per ricevere dal Governo centinaia di milioni di euro per “salvare” Roma…Ecco…Marino la salva non facendo rispettare accordi e leggi? Perché è questo sotto gli occhi di tutti…Sul Cinema America era intervenuto a sostegno persino il ministro Franceschini (e stiamo parlando di persone che appartengono allo stesso schieramento politico). E su Multiservizi, ci sono due righe, nere su bianco, nel Piano di Riequilibrio:” Cessione/Liquidazione dei seguenti organismi partecipati: ˗ Roma Multiservizi: dismissione totale, coerentemente con le modalità di legge e l’attenzione rivolta alla “salvaguardia dei livelli occupazionali”, della partecipazione detenuta in Roma Multiservizi (q.p. 51%, residuo 49% detenuto da Manutencoop Scarl)…”. Ho chiesto spiegazioni nell’ultima commissione Ambiente…magari avevo capito male io il testo…Invece, anche l’Assessora Marino ha dovuto ammettere che si parla di salvaguardia…dei lavoratori. Ebbene…ad oggi nessuno ha imposto a Multiservizi di ritirare i licenziamenti da considerare illegittimi! Che amarezza! E la domanda è: con un precedente simile…cosa dobbiamo aspettarci noi tutti che lavoriamo per le società municipalizzate?…a chi toccheranno i prossimi sms? Se non sono in grado di rispettare impegni scritti neri su bianco…cosa ci aspetta?…Intanto i licenziati sono alla quarta notte di occupazione della sala riunioni del terzo piano a Largo Loria. E l’unica voce della maggioranza capitolina che si è levata a sostegno dei lavoratori e delle loro istanze è quella del Capo gruppo SEL, Gianluca Peciola che in un comunicato ha chiesto il congelamento dei licenziamenti e l’applicazione della Legge 147/2013 che li potrebbe ri collocare in altre municipalizzate. Oltretutto, è stata sottoscritta all’unanimità, il 6 agosto scorso, una mozione (allegata al post) che impegna il Sindaco e la Giunta a salvaguardare quei lavoratori…E invece… Scopriremo nei prossimi giorni se al Comune di Roma ci sono “uomini, mezz’uomini, omminicchi…o quaquaraquà”. Intanto, io sto con i lavoratori che stanno ricevendo la solidarietà del sindacalismo alternativo di mezza Europa!…

ACMozione N 137 del 06.08.2014